Nel territorio del Campus universitario di Fiume sarà istituito un centro d’interpretazione del patrimonio naturale, inoltre è stato pianificato di sistemare l’interno della grotta di Zamet per visite controllate.

A favore della Città di Fiume, quale promotore del progetto, è stata approvata una sovvenzione a fondo perduto nell’ambito dei fondi dell’UE per un importo di 11,23 milioni di kune per il progetto Centro d’interpretazione del patrimonio naturale della Regione litoraneo – montana, ovvero il 75% dell’importo previsto attraverso il programma operativo “Competitività e coesione”.

L’obiettivo principale è quello di aiutare lo sviluppo di un turismo uniforme, regionale e stagionale sostenibile e di alta qualità dell’esperienza basata sul patrimonio naturale sull’intero territorio della Regione litoraneo – montana, promuovendo e interpretando 11 destinazioni del patrimonio naturale.

Grazie a questo progetto sarà istituito un nuovo centro d’interpretazione del patrimonio naturale della Regione litoraneo – montana all’aperto, nel Campus universitario di Fiume. Utilizzando mostre dal vivo (specie vegetali), la tecnologia moderna e contenuti multimediali, insieme a strumenti interpretativi inventivi e l’interattività, il centro interpreterà e promuoverà il patrimonio naturale di 11 destinazioni della Regione litoraneo – montana: le riserve naturali rigorose le Bijele e Samarske stijene , la grotta di Zamet, monumento naturale geomorfologico, il paesaggio significativo di Lopar sull’isola di Arba, i siti nell’ambito del progetto Natura 2000 e il patrimonio naturale a rischio di estinzione dell’area urbana di Fiume.

 

Skip to content