Le relazioni sulla gestione 2017 delle istituzioni culturali e dell’azienda “Rijeka 2020” sono state inviate dal collegio del sindaco al Consiglio cittadino della Città di Fiume.

Alla prossima riunione le relazioni sulla gestione verranno presentate dai capi del TNC Ivan de Zajc, del Teatro dei burattini, del Museo d’arte moderna e contemporanea, del Museo civico, della Biblioteca civica di Fiume, del cinema Art-kino e dell’azienda Rijeka 2020, istituita allo scopo di attuare il progetto “Fiume – Capitale europea della cultura 2020.“

Nel corso del collegio presentato l’esercizio 2017 delle istituzioni e aziende culturali

L’azienda Rijeka 2020 è stata instituita nel 2017. La gestione dell’azienda nell’anno scorso è stata contrassegnata dalla fase preparativa per il progetto “Fiume – Capitale europea della cultura 2020“. Secondo quanto detto dalla direttrice Emina Višnić, l’attuazione del progetto è stata adattata alle attuali condizioni finanziarie e materiali, che sono state realizzate in misura minore rispetto a quella determinata nel Libro di registrazione. Il Panello dell’UE i cui membri hanno condotto il monitoraggio a Fiume nel mese di giugno, hanno espresso il loro parere positivo sui preparativi del progetto. L’azienda Rijeka 2020 ha concluso l’esercizio 2017 con un bilancio positivo di 86 mila kune.

Pure l’esercizio 2017 di tutte le alte istituzioni culturali è stato contrassegnato dai preparativi per il progetto “Capitale europea della cultura” che include il trasloco del Museo di arte moderna e contemporanea nei nuovi vani nel complesso Benčić, l’avvio del festival Tobogan ecc. Alcune istituzioni culturali si sono radunate attorno a un programma congiunto.

Il Teatro nazionale croato Ivan de Zajc ha avuto alcune notevoli produzioni con l’aumento degli abbonamenti e il numero delle tournée. Alla fine dell’anno scorso il Teatro ha avuto un disavanzo dei redditi pari a 238.499 kune. Con il disavanzo trasferito dall’anno 2016, il disavanzo totale dei redditi ammonta a 5,31 milioni di kune. Il disavanzo dei redditi è il risultato dell’inadempimento del piano dei redditi da parte della Città di Fiume nell’importo di 653,3 milioni di kune, da parte dell’Unione italiana nell’importo di 146 mila kune e dei crediti non riscossi nell’importo di quasi 560 mila kune,“ ha detto il sovrintendente Blažević.

Art-kino di anno in anno registra sempre un numero maggiore di visitatori

Quasi 54 mila visitatori hanno visitato il cinema Art-kino nel 2017, continuando così una crescita ininterrrotta, come rilevato dalla direttrice Slobodanka Mišković, un maggior interesse degli spettatori è stato realizzato mentre sono stati mantenuti i più alti standard programmatici.

Il teatro dei burattini sviluppa programmi per tutte le generazioni

Nel 2017, il Teatro dei burattini ha realizzato un avanzo dei redditi nell’importo di quasi 70 mila kune, che insieme con il trasferito avanzo dei redditi del 2016 ammonta a 173 mila kune.

Cresce il numero dei membri e programmi offerti alla Biblioteca civica di Fiume

La Biblioteca civica di Fiume nell’anno scorso ha ottenuto notevoli risultati  – il numero ha sorpassato i 20 mila membri ed è il miglior risultato negli ultimi 15 anni, e questo, a detta del direttore Niko Cvjetković, è contrario agli trend mondiali. È stato realizzato l’importo di 11,13 milioni di kune oppure il 93,55 % dei redditi pianificati, mentre le spese hanno raggiunto 11,27 oppure il 94,75 % delle spese pianificate.

Il lavoro dei musei fiumani all’insegna dei preparativi per il progetto CEC

Le istituzioni culturali cittadine si preparano per il progetto “Fimume- capitale europea della cultura”

Il lavoro di due musei fiumani è stato all’insegna dei preparativi per il progetto Capitale europea della cultura – il Museo civico ha continuato il lavoro sull’allestimento di una permanente mostra nell’edificio dell’Zuccherificio e a bordo della moto nave “Galeb“, mentre il Museo di arte moderna e contemporanea si è traslocato nel nuovo edificio, e questo fatto ha aperto nuove opportunità per un’ulteriore sviluppo della istituzione.

Come rilevato dal direttore Ervin Dubrović, il Museo civico ha realizzato 16 mostre e quattro tournée. Nel corso del 2017, complessivamente 78 mila visitatori hanno visitato mostre, laboratori educativi, conferenze e proiezioni organizzate dal Museo. Il Museo ha chiuso l’anno con un disavanzo di 408 mila kune, che assieme con il disavanzo trasferito dal 2016 ammonta a 437 mila kune.

Secondo quanto detto dal direttore facente funzione Ivo Matulović, complessivamente 63.544 visitatori hanno visitato il Museo di arte moderna e contemporanea nel corso dell’anno 2017. Il museo ha realizzato un disavanzo di 145 mila kune, però qui si tratta di un disavanzo metodologico.

Piano strategico “Fiume, città intelligente“ al dibattito pubblico

SLOBODANKA MIŠKOVIĆ, NIKO CVJETKOVIĆ, ERVIN DUBROVIĆ I IVO MATULOVIĆ

La bozza della proposta di piano strategico “Fiume città intelligente“ per il periodo dal 2019 al 2020 verrà presto all’ODG della consultazione pubblica. Il termine Città intelligente eng. Smart City, può essere definito come modello di sviluppo della città attraverso l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Il capo del Dipartimento per le attività informatiche, Željko Jurić, ha detto che la Città di Fiume è ormai riconosciuta come una città intelligente sulla base di numerosi progetti implementati e possiede un’infrastruttura informatica e tecnica rispettabile che è la precondizione per la realizzazione di progetti.

Dato che si basa sulla Strategia di sviluppo della Città di Fiume per il periodo 2014-2020, il sindaco Obersnel ha detto che non si tratta di una nuova strategia, ma, prima di tutto, di un piano d’azione. Pertanto, questo piano strategico include inoltre l’elenco di progetti che realmente potrebbero essere realizzati nei prossimi due anni per quanto riguarda le capacità tecniche e umane, e l’elenco sarà ulteriormente allineato con le possibilità del bilancio della Città di Fiume e dei disponibili fondi dell’UE

Mezzi per l’assunzione di assistenti

La Città di Fiume per il quinto anno consecutivo ha procurato i mezzi dell’UE per il progetto “RInclusione – modello fiumano di assistenza agli alunni con difficoltà”. Oltre ai fondi dell’UE, la Città di Fiume stanzierà anche i propri mezzi nell’importo di 284,235 kune. Questo copre anche i costi degli assistenti educativi per quegli studenti che per ragioni tecniche non hanno potuto preparare la documentazione e ottenere il proprio assistente attraverso il concorso.