34 comitati di quartiere sono costituti sul comprensorio della Città di Fiume come una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla deliberazione in materia degli affari locali che influiscono direttamente e quotidianamente sulla vita e sul lavoro dei cittadini. Il comitato di quartiere viene costituito per il quartiere che rispetto agli altri quartieri rappresenta un’unità separata e delimitata (parte dell’abitato). Il comitato di quartiere è un ente dotato di personalità giuridica.

I seguenti comitati di quartiere sono operanti sul comprensorio della città di Fiume: Banderovo, Belvedere, Braida-Dolac, Brašćine-Pulac, Bulevard, Centro-Sušak, Draga, Drenova, Vežica Superiore, Zamet Superiore, Città di Tersatto, Grbci, Cantrida, Cosala, Crimea, Porto, Mlaka, Orehovica, Pašac, Pećine, Pehlin, Gelsi, Vežica Inferiore, Potok, Srdoči, San Cosimo, San Nicolò, Svilno, Scoglietto, Scurigne, Valscurigne, Torretta, Vojak e Zamet.

Elezioni per i Consigli dei comitati di quartiere

Il mandato dei membri del Consiglio del comitato di quartiere dura quattro anni. Le elezioni per i consigli dei comitati di quartiere si svolgono ogni 4 anni. Il numero dei membri del consiglio del comitato di quartiere sul comprensorio della città di Fiume viene determinato secondo il numero degli abitanti che vivono sul territorio del comitato di quartiere in modo che il consiglio:

  • del comitato di quartiere che conta fino a 7.500 abitanti ha cinque membri,
  • del comitato di quartiere con più di 7.500 fino a 11.000 abitanti, ha sette membri.

 

Obiettivi di sviluppo dell’autogoverno locale

  • costituire una forma organizzata di partecipazione diretta dei cittadini alla deliberazione sugli affari locali che direttamente e quotidianamente influiscono sulla vita e sul lavoro dei cittadini,
  • considerare in un modo migliore i problemi più ristretti e locali e la soluzione degli stessi in coordinamento con i rappresentanti legittimi di una certa comunità locale,
  • mobilizzazione di risorse umane e materiali addizionali della comunità locale nel risolvere questioni importanti per questa comunità e indirettamente promuovere l’atteggiamento verso la corresponsabilità dei cittadini e dell’autorità rappresentativa e quell’esecutiva cittadina per le condizioni di vita in ogni comitato di quartiere e città nel suo inetro,
  • elevare in modo uniforme lo standard comunale e sociale di tutte le zone cittadine.

 

I più importanti atti normativi che regolano l’autogoverno locale della Città di Fiume, ovvero le attività dei comitati di quartiere

  • Legge sull’autogoverno locale e regionale
  • Statuto della Città di Fiume
  • Decisone sulla selezione dei membri dei comitati di quartiere sul comprensorio della città di Fiume
  • Decisione sui territori, confini e sedi dei comitati di quartiere sul comprensorio della città di Fiume
  • Decisione sulle modalità di finanziamento delle attività dei comitati di quartiere sul comprensorio della città di Fiume
  • Decisone sulla determinazione del compenso dei membri dei comitati di quartiere sul territorio cittadino per le attività svolte
  • La normativa e le Regole di comportamento del Consiglio dei comitati di quartiere
  • Decisone sull’utilizzo temporaneo e periodico dei vani d’affari negli edifici dell’autogoverno locale di proprietà della Città di Fiume.

I confini e territori dei comitati di quartiere (sedi dei comitati di quartiere nella città di Fiume)

  • il territorio del comitato di quartiere è una completa unità spaziale sul territorio cittadino con i confini stabiliti e le appartenenti vie e numeri civici
  • i consigli dei comitati di quartiere operano e lavorano presso le sedi dei comitati di quartiere
  • tutti e 34 comitati di quartiere hanno le proprie sedi
  • gli edifici e i vani che ospitano le sedi dei comitati di quartiere sono di proprietà della Città di Fiume oppure sono presi in affitto
  • gli edifici e i vani sono gestiti dal Dipartimento cittadino per la gestione del patrimonio immobiliare e il Dipartimento cittadino per l’autogoverno locale e amministrazione

 

Deliberazione dei Consigli dei comitati di quartiere

Indipendentemente, in conformità alla Legge, allo Statuto e alle decisioni del Consiglio cittadino, i consigli dei comitati di quartiere:

  • adottano il programma di attività e la relazione sulle attività svolte dal comitato di quartiere
  • adottano il piano finanziario del comitato di quartiere e il calcolo annuale che riguarda l’esecuzione del piano finanziario
  • adottano il piano di piccoli interventi comunali e stabiliscono le priorità nella loro realizzazione
  • adottano la normativa e il regolamento di comportamento del comitato di quartiere e il regolamento sulla retribuzione delle persone fisiche e giuridiche per l’assistenza e il contributo alla realizzazione dei programmi e allo sviluppo del comitato di quartiere
  • eleggono e destituiscono il presidente del consiglio del comitato di quartiere
  • deliberano sull’utilizzo dei mezzi assicurati nel bilancio della Città di Fiume per singole destinazioni, in conformità agli atti generali del Consiglio cittadino
  • convocano raduni locali dei cittadini
  • cooperano con gli altri comitati di quartiere sul territorio della città di Fiume
  • costituiscono i propri organi di lavoro (sottocomitati) ed eleggono e destituiscono i loro membri
  • cooperano con i dipartimenti cittadini e con le società e aziende municipalizzate
  • cooperano con associazioni, istituzioni, con il settore pubblico e il settore economico, e con persone fisiche nello svolgimento delle attività sul loro territorio inerenti alle questioni nell’interesse dei cittadini che abitano sul territorio del comitato di quartiere
  • propongono programmi di sviluppo per ogni territorio conformemente ai piani della Città di Fiume
  • controllano le condizioni in cui si trovano infrastrutture comunali, e secondo questo stabiliscono le esigenze degli abitanti allo scopo di migliorare la qualità abitativa, assestare la zona, svolgere le attività comunali e prestare altri servizi legati all’infrastruttura locale
  • stabiliscono le esigenze degli abitanti nel campo della cultura, dello sport e della cultura tecnica, dell’assestamento e della tutela dell’ambiente, e quelle che rientrano nello scopo dei servizi di cura all’infanzia, agli anziani, e della salute pubblica.

 

Consigli dei comitati di quartiere forniscono parere

  • sulle proposte in fase di redazione e sull’adozione dei documenti attinenti alla pianificazione territoriale della Città di Fiume
  • sulle questioni legate al miglioramento della qualità abitativa, della tutela dell’ambiente, un lavoro più efficace dei servizi comunali, alla regolazione del traffico, alla sicurezza dei cittadini …
  • sulle bozze e proposte di atti generali che adotta il Consiglio cittadino, che assumono un significato diretto per il lavoro dei comitati di quartiere e l’autogoverno locale nella sua interezza
  • sulle proposte di separazione dal territorio del comitato di quartiere, di fusone dei comitati di quartiere e di modifica di denominazione del comitato di quartiere
  • sulle proposte di denominazione delle vie
  • sulle domande per l’estensione dell’orario di chiusura dei ristoranti e dei bar sul proprio territorio
  • sulle domande per l’utilizzo degli spazi dell’autogoverno locale.

 

Ruolo dei comitati di quartiere nel bilancio partecipativo

I comitati di quartiere hanno un ruolo importante nell’attuazione dei programmi di Piccoli interventi comunali che rappresenta una forma di bilancio partecipativo, ovvero della partecipazione dei cittadini alla pianificazione e all’approvazione del bilancio.

Inoltre i comitati di quartiere si includono nel Programma di partenariato locale di Fiume.