Recentemente è stato firmato il contratto per la costruzione dell’infrastruttura comunale nella zona imprenditoriale di Bodulovo del valore di 5.710.343,00 kune – così ha esordito il sindaco di Fiume Vojko Obersnel nella sua consueta conferenza stampa. Si tratta dei mezzi a fondo perduto che la Città riceve dai fondi dell’UE. Il valore complessivo del progetto ammonta a circa 11 milioni di kune, mentre la differenza pari a 5,4 milioni di kune sarà finanziata dal bilancio della Città di Fiume.

Il bando d’appaltato è nella fase di preparazione e sarà indetto dopo le vacanze. La sistemazione dell’infrastruttura sottintende la costruzione di adeguate strade e la divisione della zona di Bodulovo in particelle di dimensioni da 1.000 fino a 8.500 m q, che saranno disponibili a imprenditori. “Questa zona, anche se piccola sarà importante per un’ulteriore sviluppo dell’imprenditorialità a Fiume”, ha detto il sindaco aggiungendo che nel senso dell’ottenimento dei fondi messi a disposizione dell’UE, la Città di Fiume si è dimostrata molto efficace, visto che fino ad oggi assieme alle sue aziende municipalizzate ha accordato poco più di 204 milioni di euro per diversi progetti europei.

Ulteriori lavori di sistemazione del Ponte dei difensori

Dopo che era costruito il Ponte dei difensori, varie associazioni dei reduci della Guerra patriottica hanno lanciato l’iniziativa di commemorare in questo posto in modo adeguato i difensori caduti provenienti dalla nostra regione. In accordo con gli architetti del ponte – Studio 3LHD, è stata preparata una soluzione grazie alla quale oltre alla sistemazione orticulturale sarà posto un elemento aggiuntivo su cui con una tecnica speciale saranno scritti i nomi dei 206 difensori caduti provenienti da Fiume e dalle città e dai comuni limitrofi. Il valore dei lavori ammonta a 750.000 kune, di cui la maggior parte, ovvero 660.000 kune sarà finanziata dalla Città di Fiume, mentre il Ministero dei difensori cofinanzierà l’importo residuo di 90.000 kune. I lavori saranno ultimati fino all’autunno.

Sistemazione parziale della Piazza della 128.esima Brigata e della Piazza della Risoluzione fiumana, addio ai veicoli

Il sindaco ha detto che in più occasioni ha voluto realizzare l’idea di trasformate Piazza della 128.esima Brigata e quella della Risoluzione fiumana insieme a via Dolac in una zona pedonale. Egli sperava che le piazze sarebbero sistemate come previsto dal progetto, cioè che sarebbero coperte con lastre di pietra. Vista la loro ubicazione in centro città e i numerosi eventi che vengono organizzati lì, e in quanto la sistemazione finale delle piazze sottintende scavi archeologici, che, secondo le stime dei conservatori, durerebbero da sei mesi a un anno, è stato deciso di rinnovare e ristrutturare temporaneamente le piazze con un nuovo strato di asfalto. I lavori saranno avviati durante o verso la fine dell’estate e, oltre al nuovo strato di asfalto, includeranno anche alcuni interventi di rifacimento orticulturale, dopodiché non ci saranno più veicoli parcheggiati nelle piazze. La sistemazione finale avrà luogo dopo il 2021, una volta ultimati gli scavi archeologici.

Lavori in via Krešimir

Parlando dei lavori in via Krešimir, il sindaco ha detto che essi si svolgono secondo le aspettative e senza notevoli ingorghi stradali, tranne che nelle ore di punta. Tutti i servizi che lavorano su questo progetto sono in loco ogni giorno e subito eliminano mancanze che scoprono. Il problema più grande per ora sono conducenti indisciplinati, che nonostante il divieto cercano di voltarsi nella direzione proibita. I lavori si protrarranno per un anno, mentre fino all’inizio del prossimo anno dovrebbe essere ultimato il tratto da piazza Žabica alla stazione ferroviaria, ovvero dall’edificio amministrativo del CCO di Fiume, per non disturbare i programmi che verranno organizzati nel ristrutturato complesso Benčić.

Sistemazione dello spazio di fronte al Teatro

Tra i lavori annunciati dal sindaco sono pure i lavori di sistemazione dello spazio di fronte al Teatro dove si trova la fontana che sarà sistemata nello stesso modo come l’area circostante, ovvero via Verdi. La fontana sarà sistemata per quanto riguarda l’ugello della fontana e un’illuminazione adeguata, e questo progetto dovrebbe essere portato a termine fino al 2020.

Eccellenti risultati del turismo – continuazione del trend positivo

Il sindaco ha detto che Fiume, quale destinazione turistica è sempre più attraente, e ormai adesso, a differenza di molte altre destinazioni, si registrano ottimi risultati turistici. Nei primi sei mesi gli arrivi sono cresciuti dell’11 %, mentre i pernottamenti del 24% nelle capacità turistiche sul territorio della città di Fiume. Ciò che i turisti cercano non sono solo il mare e le bellissime spiagge, ma anche contenuti aggiuntivi, che ci sono tanti a Fiume, come ad esempio il festival Tobogan. L’idea è quella di trasferire l’anno prossimo tutto quello che è organizzato nell’ambito di questo festival alla Casa dell’infanzia non solo durante l’estate, ma per tutto l’anno. Sono stati inaugurati inoltre gli eventi che contribuiscono a Fiume quale destinazione turistica come le Notti delle piazze fiumane e l’Estate al Castello, quindi fino a metà settembre ognuno troverà qualcosa per sé.

Partecipazione dei cittadini attraverso il progetto “Uključi se!” (“Includiti!”)

Parlando del progetto “Uključi se!” (“Includiti!“), volto a incoraggiare i cittadini a partecipare in un numero quanto maggiore a diversi programmi, il sindaco ha affermato che nel secondo ciclo dell’invito per progetti nell’ambito delle Iniziative civili e dell’Onda verde sono pervenute 59 notifiche dei cittadini, di cui 36 per Iniziative civili e 23 per l’Onda verde. Tra i vari progetti, Obersnel si è soffermato su due progetti. Il progetto Ostvari san – skuhaj si sam (Realizza il tuo sogno – cucini da solo) – registrato dall’Associazione dei pensionati di Fiume allo scopo di abilitare le persone anziane che vivono da sole e non sanno cucinare o non sono abili in cucina. Attraverso questo programma, essi partecipano ai corsi che realizzano volontari, cuochi o ristoratori in pensione, membri dell’Associazione dei pensionati. Oltre a questo, nell’ambito dell’Azione verde, è interessante il progetto volto a sistemare l’area circostante al grande magazzino di Vežica, che darà un nuovo aspetto a questa un po’ trascurata area, dato che il grande magazzino di Vežica è chiuso da anni ormai.

Situazione nel cantiere navale “3. maj”

Al termine della sua consueta conferenza stampa, il sindaco ha riassunto la situazione nel cantiere navale “3 maj”, sottolineando che sul capo del cantiere ancora pende la spada di Damocle del fallimento. “Grazie al ruolo positivo e agli sforzi del consiglio di amministrazione e del direttore della società Edin Kučan, con grande supporto e comprensione dei sindacati, si fa tutto il possibile per rinviare il fallimento e continuare la produzione. Si sono tenuti colloqui al riguardo con gli armatori che sono pronti a concludere la costruzione delle unità attualmente in cantiere, e addirittura a stipulare nuove commissioni. Per realizzare questo, certi mezzi finanziari sono necessari, o almeno garanzie che dovrebbero essere rilasciate dal Ministero dell’Economia o dal Governo della Repubblica di Croazia“, ha detto il sindaco esprimendo la sua convinzione che ciò non accada e che il fallimento sarebbe evitato. Nel frattempo, egli da il suo pieno supporto al cantiere “3 maj”. Finora, per i pasti caldi degli operai che lavorano nel cantiere è stato stanziato l’importo di 137.000 kune, e in quanto il cantiere ha accordato certi lavori che devono essere eseguiti nel cantiere di riparazione Viktor Lenac, la Città di Fiume ha assicurato il trasporto degli operai, dal cantiere “3 maj” al cantiere “Viktor Lenac” e indietro. Il sindaco è convinto che tutti gli sforzi saranno fruttuosi affinché la cantieristica possa rimanere una delle più importanti attività economiche sul territorio cittadino.