Dichiarazione delle Nazioni Unite

Durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite tenutasi nel 2008, la Repubblica di Croazia ha sostenuto la Dichiarazione sui diritti umani, l’orientamento sessuale e l’identità di genere.

Questa Dichiarazione conferma il principio di non discriminazione che richiede che tutti i diritti umani siano ugualmente applicati a tutti gli esseri umani indipendentemente dal loro orientamento sessuale o dalla loro identità di genere, e in particolare, condanna l’uso della pena di morte e la tortura basata sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere e rifiuto dell’assistenza sanitaria.

L’articolo 11 della Dichiarazione richiede agli Stati di adottare tutte le misure necessarie, in particolare le misure legislative e amministrative per garantire che l’orientamento sessuale o l’identità di genere non possano servire come base per la pronuncia delle sanzioni penali, in particolare le esecuzioni, l’arresto e la detenzione.

Raccomandazioni del Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa

Nel 2011, il Consiglio d’Europa ha pubblicato il rapporto intitolato “Discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere in Europa” che contiene le raccomandazioni del commissario per i diritti umani destinati ai governi degli Stati membri del Consiglio d’Europa, con l’obiettivo di prevenire e combattere l’omofobia, la transfobia e la discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere.

Protezione del diritto all’orientamento sessuale

Associazioni che si occupano della protezione del diritto all’orientamento sessuale.