I detentori che conducono i loro cani nei luoghi pubblici hanno l’obbligo di rispettare le regole, mente è vietato somministrare cibo a gatti randagi.

Il problema dei proprietari irresponsabili di cani è onnipresente e ogni giorno vengono presentate denuncie da parte dei cittadini insoddisfatti. Le denuncie vengono maggiormente presentate contro i detentori di cani che conducono i propri animali di affezione nei luoghi pubblici (parchi, campi di gioco, spazi annessi alle scuole ecc.), senza condurli a un guinzaglio adeguato, i proprietari non tolgono gli escrementi dei loro animali e li lasciano liberi di correre, lasciandoli senza controllo. La conseguenza di un tale comportamento è visibile in luoghi pubblici disordinati e sporchi.

Allo scopo di risolvere i detti problemi, vengono prese adeguate misure di prevenzione ed educative come pure quelle repressive, che vengono attuate conformemente alla Delibera sulle condizioni e sulle modalità di detenzione di animali di affezione, sulle modalità di controllo della loro riproduzione, sulle condizioni e sulle modalità di detenzione di cani e sulle modalità di trattamento di animali abbandonati e smarriti ((“Gazzetta ufficiale della Regione litoraneo montana” numero 44/09 e “Gazzetta ufficiale della Città di Fiume“ numero 4/14).

Questa Delibera prescrive che è vietato l’accesso dei cani senza guinzaglio ad aree pubbliche, e se il cane è stato individuato come pericoloso, è necessario pure l’utilizzo della museruola. Inoltre, è stato prescritto l’obbligo del detentore dell’animale d’affezione di portare con sé gli accessori per lo smaltimento (sacchetti di carta, recipiente ecc.) e di pulire il suolo pubblico sporcato in qualsiasi modo dal proprio animale, particolarmente con gli escrementi. Per le dette trasgressioni è prescritta la multa nell’importo di 500,00 kune.

Il controllo della circolazione dei cani sulle aree pubbliche è sotto la competizione della polizia comunale, però questo controllo, oltre a un gran numero dei cani registrati, è aggravato dal fatto che i proprietari dei cani colti in trasgressione su un’area verde o su un altro luogo pubblico, molto spesso non vogliono presentare alla polizia comunale un proprio documento di riconoscimento, sono spesso arroganti e violenti verso la polizia comunale e lasciano il luogo di trasgressione. Pertanto l’identificazione del trasgressore è quasi impossibile senza la collaborazione con gli agenti di polizia.

La direzione di polizia comunale svolge un più intenso controllo, conformemente al piano di attuazione di controllo su oltre cinquanta località prioritarie (parchi, parchi gioco, zone pedonali, spazi annessi alle scuole e alle scuole materne ecc.) assistiti dalla polizia.

La somministrazione del cibo a gatti randagi, gatti che vivono all’aperto, su aree pubbliche è tutta un’altra storia. I luoghi pubblici sono sporchi per gli avanzi di alimenti, ciotole e altri accessori, utilizzati per dare da mangiare ai gatti.

Ulteriori informazioni sulle autorità dell’operatore di polizia comunale e contatti.