Gli obiettivi di attuazione delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici includono, tra l'altro, la parità di trattamento di tutti i partecipanti al sistema degli appalti pubblici, la promozione della concorrenza di mercato e di una crescita economica sostenibile e inoltre, l’assicurazione di un'unica protezione giuridica ai partecipanti alle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici.

Che cos'è un appalto pubblico?

Gli appalti pubblici sottintendono l’attuazione delle procedure e delle norme stabilite dalla legge per l'acquisizione di beni, lavori e servizi necessari per le autorità pubbliche – autorità statali, unità di autogoverno locale, – in quanto tali autorità gestiscono risorse finanziarie pubbliche, ovvero il denaro dei contribuenti.

Le norme e le procedure devono essere caratterizzate da una riconoscibilità pubblica e consentire l’accesso a tutte le parti interessate e contemporaneamente raggiungere la più ampia supervisione sociale della spesa del denaro pubblico.

Profilo della Città di Fiume

In conformità alla Legge sugli appalti pubblici, la Città di Fiume quale unità di autogoverno locale è appaltatore pubblico.
Profilo della Città di Fiume  quale appaltatore pubblico è come segue:
Città di Fiume, Korzo 16, 51000 Rijeka
Numero di registrazione: 2664763  PIN della Città di Fiume: 54382731928
Telefono: 051/209-333
Principale indirizzo dell’appaltatore (URL): www.rijeka.hr

Quadro legislativo

Il quadro legislativo che riguarda gli Appalti pubblici comprende numerosi regolamenti, istituzioni e servizi.

Gli appalti pubblici elettronici (eAppalti) è un termine comprensivo per il sistema degli appalti pubblici che si basa sull’applicazione dei mezzi di comunicazione elettronici nelle procedure per l’affidamento di appalti pubblici e include strumenti elettronici come supporto in varie fasi della procedura di gara sugli appalti pubblici.

Le norme applicabili a ogni acquisizione dipendono dal valore stimato dell’acquisizione (IVA esclusa) ovvero dalla soglia stimata dell’acquisizione determinata dalle direttive sugli appalti pubblici dell’UE o dalla legislazione nazionale oppure, illustrato in modo semplificato, visto che l’importo stimato per l’acquisizione di beni, lavori e servizi, si utilizzano varie procedure per l’affidamento di appalti pubblici prescritte dalla Legge.

Consultazioni precedenti con operatori economici interessati

Ai sensi dell'art. 198, n. 3, della Legge sugli appalti pubblici ("Gazzetta ufficiale" n. 120/16), la Città di Fiume è tenuta a procedere a consultazioni obbligatorie con operatori economici interessati per almeno 5 (cinque) giorni, prima di istituire procedure per l’affidamento degli appalti pubblici aperte o ristrette per l'acquisizione di lavori (basso e elevato valore) o degli appalti pubblici ad alto valore per l'acquisizione di beni o servizi.

La seguente documentazione viene allegata durante la consultazione precedente:

  • La descrizione del oggetto dell’acquisizione,
  • Specificazioni tecniche,
  • Criteri per una scelta qualitativa di un operatore economico,
  • Criteri per la scelta dell’offerta, e
  • Requisiti specifici per l’esecuzione del contratto.

Tutti gli operatori economici interessati ad ottenere un appalto pubblico sono invitati a partecipare alla consultazione precedente affinché, avanzando obiezioni, proposte e fornendo consulenza, possano contribuire all’attuazione della procedura di aggiudicazione degli appalti pubblici e a selezionare la migliore offerta rispettando i principi della concorrenza di mercato, il divieto della discriminazione e la trasparenza delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici.

A seguito di ogni consultazione svolta, la Città di Fiume considera tutte le obiezioni e le proposte presentate dagli operatori economici interessati, prepara rapporti sulle obiezioni e sulle proposte accettate e rifiutate e li pubblica sul sito e-Consultazioni.

Appalti pubblici di elevato valore

La procedura di aggiudicazione per gli appalti pubblici di elevato valore è stata determinata dalle soglie dell’UE. Il valore delle soglie dell’UE viene determinato dalla direttiva della Commissione europea che di regola vengono modificate su base biennale. Attualmente sono in vigore i valori delle soglie dell’UE adottati il 1mo gennaio 2016. Dalla data di adesione della Repubblica di Croazia all'Unione europea, ogni pubblicazione di appalti di valore elevato deve essere pubblicata anche nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, TED - Tender Electronic Daily, tramite la pubblicazione elettronica degli appalti pubblici della Repubblica di Croazia.

Appalti pubblici di basso valore

Gli appalti pubblici di forniture di beni e servizi di un valore stimato che supera 200.000,00 kune, ovvero di forniture di lavori di un valore stimato che supera 500.000,00 kuna vengono pubblicati nella Pubblicazione elettronica degli appalti pubblici della Repubblica di Croazia.

Appalti pubblici sotto soglia

Gli appalti pubblici sotto soglia rappresentano la fornitura di beni e servizi di un valore stimato fino all’importo di 200.000,00 kune, ovvero l’acquisizione di lavori di un valore stimato fino all’importo di 500.000,00 kune.

Piano di acquisizione della Città di Fiume

Il piano di acquisizione viene approvato per l’anno di bilancio e il suo obiettivo è quello di cercare sistematicamente il più favorevole modo di acquisizione, viste le necessità entro il periodo di pianificazione. La pianificazione si basa sulla stima delle necessarie quantità di beni, lavori e servizi.

Registri dei contratti

I registri dei contratti e degli accordi quadro che riguardano appalti pubblici vengono aggiornati su base semestrale. Oltre a questo Registro, la Città di Fiume pubblica anche la Recensione dei contratti di appalti sotto soglia. La pubblicazione di questi registri è prevista dalla Legge sugli appalti pubblici e dal Piano d’azione per il periodo 2015 – 2016 che è connesso con la Strategia per la prevenzione della corruzione per il periodo dal 2015 al 2020. (GU 79/15).

Prevenzione del conflitto d’interessi

Allo scopo di evitare qualunque conflitto d’interesse, ai sensi della Legge sugli appalti pubblici, gli appaltatori hanno l’obbligo di pubblicare la lista degli operatori economici con cui i rappresenti dell’ente pubblico intrattengono rapporti che si considerano una situazione di conflitto d’interessi.

La Città di Fiume,  come un appaltatore pubblico, pubblica il fatto che gli operatori economici con cui i rappresentanti dell’appaltatore – il sindaco e il vicesindaco e le persone legate ad essi – non siano in una situazione di conflitto d’interessi.

Il conflitto d’interessi è descritto negli articoli 75 – 83 della Legge sugli appalti pubblici

Appalti pubblici verdi

Gli appalti pubblici verdi  sottintendono una procedura in cui gli organismi della pubblica amministrazione incoraggiano l'acquisto di prodotti e servizi "verdi", ovvero quelli che, nel corso del loro ciclo di vita, hanno meno impatto sull'ambiente rispetto a quelli che altrimenti avrebbero acquistato.