La maggior parte dei senzatetto è estremamente povera, separata dalle famiglie e dalle istituzioni di previdenza sociale. Pertanto più spesso si prendono cura di loro le associazioni e organizzazioni e della Chiesa cattolica.

La Città di Fiume riconosce i senzatetto come una fascia vulnerabile della popolazione e sovvenziona le organizzazioni che in diversi modi forniscono loro assistenza.

Ormai da anni la Città sovvenziona  il programma assistenziale per i senzatetto promosso dall’ordine francescano profano.

Inoltre, la Città ha attrezzato e finanzia il cosiddetto rifugio cittadino per i senzatetto organizzato dall’Associazione Oasi. Questa associazione ha organizzato una particolare comunità abitativa per le donne senzatetto.